BSA Srl - Buffetti Software Software Gestionali & Supporto Tecnico Buffetti
Home » News » News 2014 » 08/09/2014 - Aliquote Imu e Tasi 2014

News 2014

08/09/2014 - Aliquote Imu e Tasi 2014

eBridge novità Servizio: Aggiornamento dati aliquote Imu e Tasi 2014

Aggiornamento dati aliquote Imu e Tasi 2014

Il servizio di aggiornamento dati aliquote  Imu e Tasi 2014 è un nuovo servizio che tramite specifiche funzioni, previste  nelle suite software commercialisti eBridge e Expert Up, consente di aggiornare i dati Imu e Tasi presenti nelle tabelle comuni d’italia, necessari per eseguire il calcolo delle imposte Imu e Tasi.
Sono interessati a tale servizio tutti clienti che possiedono uno dei prodotti dichiarativi che prevedono la gestione e calcolo dell’imposta Imu e Tasi, ovvero 730 – UPF, USC e ENC.

Principali caratteristiche del Servizio

Il servizio di aggiornamento dati IMU e TASI 2014 contiene numerose informazioni presenti nelle delibere approvate dai comuni, ovvero in particolare raccoglie le aliquote IMU/TASI e le relative detrazioni.

I principali dati del servizio di aggiornamento dati aliquote IMU e TASI 2014, sono:
Aliquote Ministeriali standard: 
1. Aliquota ordinaria
2. Abitazione principale
3. Immobili dati in uso a familiari
4. Pertinenze dell'immobile principale
5. Immobili locati
6. Immobili a disposizione
7. Immobili strumentali all'esercizio dell'attività agricola
8. Immobili diversi dalle abitazioni
9. Terreni agricoli
10. Aree fabbricabili

Sono presenti anche le Aliquote/detrazioni particolari che ogni comune può deliberare autonomamente, e per la Tasi la quota percentuale e relativa detrazione a carico del detentore e possessore.

Tramite nuove funzioni previste nei prodotti dichiarativi, utilizzabili solo in presenza dell’attivazione del servizio, sarà possibile visualizzare i dati Imu e Tasi forniti con gli aggiornamenti e, a discrezione del cliente, con apposita selezione aggiornarli in automatico nella tabella comuni d’Italia.

Chiaramente i clienti, come in passato, possono intervenire variando i dati Imu Tasi della tabella comuni d’Italia aggiornati in automatico,  o inserire manualmente tutti i dati nel caso il servizio non sia stato acquistato.
La gestione degli immobili sostanzialmente non varia ma viene implementata per ricevere eventuali nuovi dati presenti nelle tabelle comuni d’Italia resi disponibili dal servizio di aggiornamento dati aliquote Imu e Tasi 2014.
Saranno previsti gli aggiornamenti dei dati Imu e Tasi in base alla disponibilità delle delibere comunali, sia per eventuali correzioni ai dati distribuiti.
Nel periodo prossimo alla scadenza del versamento delle imposte  gli aggiornamenti, se necessari, potranno avere cadenze brevi per informare tempestivamente i clienti dei cambiamenti in corso.

Il servizio tramite un codice di attivazione attiva le funzioni di aggiornamento e per la fase di calcolo delle imposte.
Il servizio ha cadenza e carattere annuale, ovvero il servizio di aggiornamento dati delle aliquote prevede un periodo di aggiornamento che va dal 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno (es. Aliquote IMU /TASI 2014, Aliquote IMU/TASI 2015 ecc.).

Vantaggi offerti dal servizio di aggiornamento dati Aliquote Imu e Tasi 2014

I vantaggi dell’adozione di un servizio di aggiornamento dati aliquote e detrazioni IMU e TASI 2014 è abbastanza evidente. La possibilità di ricevere i dati delle aliquote IMU e TASI via via che i comuni pubblicano le delibere, consente al cliente la fruizione, la consultazione, l’interrogazione, totale o parziale delle informazioni per arrivare all’aggiornamento automatico della base dati applicativa.

Scadenze Versamenti Imu e Tasi 2014

Ricordiamo che le scadenze dei versamenti delle imposte Imu e Tasi sono fissate al 16 giugno e al 16 dicembre, rispettivamente per acconto e saldo.
Per il calcolo dell’acconto, se il Comune non è tra quelli che hanno deliberato per tempo le aliquote da utilizzare per il 2014, vanno utilizzate quelle valide per il 2013. A dicembre, in sede di conguaglio, il conteggio andrà fatto con quanto stabilito dalla delibera comunale, versando la differenza rispetto all’acconto anticipato.
Tale modalità di calcolo dell’acconto non è applicabile nel 2014 per la Tasi in quanto essendo una nuova imposta non sono disponibili i dati deliberati nel 2013 e quindi in assenza della delibera 2014 non è possibile effettuare il calcolo dell’imposta.

Infatti il 16 giugno hanno versato l’acconto sull’imposta Tasi solo quei contribuenti i cui comuni di ubicazione degli immobili hanno deliberato, e quindi pubblicato sul sito del MEF  aliquote e detrazione entro il 31 maggio 2014.

La prossima scadenza dell’acconto Tasi è prevista entro il 16 ottobre 2014 per quei comuni la cui delibera sarà approvata  entro il 10 settembre e la relativa pubblicazione sul sito del MEF entro il 18 settembre 2014.

Per i restanti comuni che non hanno deliberato l’imposta Tasi verrà versata in una unica soluzione a saldo ovvero entro il 16 dicembre 2014 insieme al saldo Imu.